IL MINCHIONARIO UNIVERSALE

PREFAZIONE AL MINCHIONARIO UNIVERSALE Nel 1936 Walter Benjamin sosteneva che la capacità moderna di riprodurre infinitamente l’arte privava le opere della loro unicità, vale a dire di quella particolare aura magica che si plasma grazie alle mani e alle bocche degli artisti. Affermava che la fine di tale magia avrebbe decretato la disintegrazione dell’arte. Proprio così. Il Moderno, appena adolescente, si apprestava dunque a morire per fare spazio a un secondo Modernismo, sterile, seriale, l’anticamera del codice a barre del pensiero, insomma. E invece, per buona pace del baffuto e occhialuto pensatore tedesco, attraversando trasversalmente con la nostra abituale curiosità le vicende di questo pazzo moderno, bismoderno e trismoderno mondo, ci siamo accorti che esiste, è sempre esistita e sempre esisterà una forma d’arte imperitura e non duplicabile: la minchiata. Il libro che avete tra le mani, per dire, avremmo anche potuto intitolarlo La minchiata nell’epoca della sua riproducibilità tecnica, ma non sarebbe stato filologicamente corretto: una minchiata, per essere degna di tale statuto, deve attraversare indenne le epoche, come un’eroica torpediniera abile nel silurare e affondare qualsiasi oggetto in movimento sui vasti mari del linguaggio e del (buon)senso. Di minchiate immortali, qui dentro, ne troverete in quantità. Esiste anche un altro tipo di minchiata, una minchiata a cui sono richiesti dei requisiti meno severi, ma non per questo meno solida: quella che il giorno dopo ha già acquisito, grazie alle bocche dei minchioni che l’hanno pronunciata, un’aura leggendaria. Tu sai che, di tale miracolo, scompariranno i padri e le madri; sai che nessuno ricorderà più né i loro nomi né i loro volti, eppure, lei, orfana, procederà imperturbata ad allietare gli esseri dell’inconoscibile futuro. Di minchiate in pronta consegna, qui dentro, ne troverete un’altra quantità. Chiediamo scusa a tutti quelli che, per questioni di spazio, non siamo riusciti a inserire in questo primo florilegio. Morti o vivi che siate, abbiate fiducia e pazienza... Enrico Remmert & Luca Ragagnin

Enrico Remmert - Novità
ebimedialab